Serie A, il Crotone ribalta l’Udinese e adesso ‘vede’ la salvezza

Tre giganteschi passi avanti verso la salvezza. Sono quelli che ha fatto il Crotone nel caldo della Dacia Arena impacchettando un successo che vale un tesoro nella corsa alla salvezza. Simy e Faraoni gli eroi di Udine, che capovolgono lo svantaggio di Lasagna e manda il tappeto l’Udinese, incappata nell’undicesimo ko consecutivo, numeri che condannano Oddo all’ormai certo esonero. Tutt’altro umore sulla panchina del Crotone, dove Walter Zenga raccoglie il quarto punto in tre giorni, si arrampica a quota 31 e aumenta considerevolmente le chance salvezza. Il colpaccio in trasferta interrompe anche la serie negativa di quattro ko da esportazione.

L’inizio equilibrato del match viene spezzato dal gol improvviso di Lasagna, bravo a girarsi di spalle e trafiggere Cordaz con una conclusione angolata e precisa. La gioia del vantaggio dura però appena un minuto. Sul versante opposto Nalini porta a spasso Widmer, crossa al centro dove Simy brucia Samir e con l’esterno deposita in rete per la quarta marcatura personale. Un’altra perla dopo qella confezionata alla Juve. L’inerzia del match ora è nelle mani del Crotone, che dietro deve contenere quasi esclusivamente lo scatenato Lasagna, mentre Maxi Lopez non procura nessun pericolo.

Nella ripresa il Crotone vuole provare a vincere, ma l’Udinese dimostra di avere più gamba rispetto ai rossoblù, che però non disdegnano ripartenze improvvise continuando ad accompagnare l’azione con regolarità. L’atteggiamento e identità restano intatte, ma col passare dei minuti Zenga rifoltisce i ranghi inserendo Sampirisi per Trotta, chiudendo ogni spazio all’Udinese. La prudenza fa però rima con coraggio, ed in una ripartenza nel finale il Crotone trova il gol del sorpasso: Ricci appoggia a Simy che controlla si gira e calcia, sulla palla si intromette Samir che tocca ma mette fuori causa Bizzarri, sulla sfera si avventa l’accorrente Faraoni che da posizione angolata trova lo spazio per imbucare in porta. E’ il gol che vale tre punti, anche perché nel recupero Cordaz è prodigioso su Lasagna, mentre Fofana da ottima posizione spedisce a lato. Finisce col Crotone esultante al centro del campo, consapevole di aver compiuto una piccola-grande impresa. Voluta e meritata.

 

UDINESE: Bizzarri; Larsen, Danilo, Samir; Widmer (53’ Zampano), Barak, Behrami (71’ Balic), Fofana, Ali Adnan; Lasagna, Maxi Lopez (62’ Jankto). A disp.: Scuffet (GK), Borsellini (GK), De Paul, Ingelsson, Nuytinck, Perica, Pontisso, Halfredsson, Pezzella. All. Oddo

CROTONE: Cordaz; Faraoni (90′ Ajeti), Ceccherini, Capuano, Martella; Barberis, Mandragora, Rohden; Trotta (73’ Sampirisi), Simy, Nalini (65’ Ricci). A disp.: Festa (GK), Viscovo (GK), Stoian, Izco, Diaby, Pavlovic, Zanellato, Tumminello, Simic. All. Zenga

Arbitro: Di Bello di Brindisi

Reti: 6’ Lasagna (U), 7’ Simy (C), 87’ Faraoni (C)

Ammoniti: 58’ Behrami (U), 68’ Jankto (U)