Serie A, Simy risponde a Paloschi: per il Crotone buon pari contro la Spal

Il quinto punto del campionato arriva da Ferrara. Nella sua prima storica esibizione contro la Spal, il Crotone conquista un punto di cuore, grinta e caparbietà. Niente fronzoli ma tanta praticità, scollinando abilmente tra sofferenza e anche intraprendenza, strappando un pareggio meritato ma arrivato al tramonto di una partita condotta per alcuni tratti in apnea ma sostanzialmente giocata con grande disciplina tattica e buona applicazione.

Nicola sceglie Simy punta centrale con Nalini al suo fianco, facendo accomodare in panchina sia Budimir, ancora non al meglio, che Trotta. La partenza è tutta della Spal, che gioca a memoria ma soprattutto corre senza risparmiarsi e costringe il Crotone alla difensiva. Nel primo tempo tempo i rossoblù subiscono la pressione degli estensi, limitandosi soltanto a qualche timida sortita che però non produce pericoli. La svolta arriva alla mezzora, quando Borriello si arrende ad un problema muscolare e lascia spazio a Paloschi. L’ex attaccante del Chievo impiega 9’ per lasciare il segno, correggendo da un metro la conclusione angolata di Antenucci e portando avanti i padroni di casa. Il Crotone non riesce a produrre una reazione concreta ma anzi chiude il tempo in sofferenza, interrotta soltanto da una velenosa conclusione di Barberis che sfiora il palo.

Nel secondo tempo la musica cambia e il Crotone entra in campo con un atteggiamento ribaltato. Coraggio, intraprendenza e sfrontatezza, e così in cinque minuti fioccano azioni da urlo. Clamorosa quella che Stoian sciupa in apertura preferendo un improbabile cucchiaio con la porta spalancata che Gomis doma senza troppi affanni. Non da meno la conclusione radente di Rohdèn deviata in corner. La Spal fiuta il pericolo e arretra, il Crotone aumenta la pressione e trova il pari al 13’ con una conclusione chirurgica di Simy che vede il palo lungo scoperto, apre il piattone e beffa GOmis, coperto da Salomon. La partita ora si fa avvincente, ma dopo aver rifiatato la Spal torna a premere con decisione mentre i rossoblù arretrano nuovamente. Nel finale abbondano i piazzati per i biancazzurri, e soprattutto i pericoli. E proprio ai titoli di coda Cordaz evitate la frittata deviando con un miracolo un’autodeviazione di Ajeti, ribattendo poi su Paloschi. Scampato pericolo e 1-1 messo in cassaforte. Un punto di grande valore per i rossoblù, che salgono a quota 5 e aggiungono nuova linfa alla classifica.

SPAL: Gomis; Salamon, Vicari, Felipe; Lazzari, Schiattarella, Viviani, Mora (73′ Rizzo), Costa (84′ Martinelli), Antenucci, Borriello (30′ Paloschi). A disp.: Poluzzi, Marchegiani, Cremonesi, Bellemo, Bonazzoli, Konate, Vaisanen, Schiavon, Vitale. All. Semplici.

CROTONE: Cordaz; Sampirisi (82′ Simić), Ceccherini, Ajeti, Martella; Rohden (70′ Faraoni), Barberis, Mandragora, Stoian (93′ Izzo); Simy, Nalini. A disp.: Festa, Viscovo, Aristoteles, Kragl, Budimir, Pavlovic, Trotta, Cabrera, Crociata. All. Nicola.

Arbitro: Mazzoleni di Bergamo
Reti: 39′ Paloschi (S), 59′ Simy (C)
Ammoniti: Rohden (C), Felipe (S), Schiattarella (S)