Smaltiva rifiuti in modo illecito: denunciata imprenditrice di Caccuri

CACCURI – I carabinieri forestali hanno denunciato un’imprenditrice di Caccuri che aveva abbandonato rifiuti derivanti dalla propria attività d’impresa invece che smaltirli nei modi previsti. La scoperta è stata fatta dai  militari delle stazioni dei Carabinieri Forestale di Savelli e di Petilia Policastro che hanno notato un evidente deposito incontrollato di rifiuti. L’esame degli stessi ha consentito di risalire all’impresa che ne aveva effettuato l’abbandono nell’ambito della propria attività lavorativa, smaltendo irregolarmente i rifiuti del proprio ciclo produttivo. Ai militari non è rimasto altro che deferire all’Autorità giudiziaria la titolare dell’attività, un’imprenditrice del comprensorio.
Nella medesima area è stato individuato anche un abbandono incontrollato di circa cento pneumatici esausti, in considerazione del quantitativo rinvenuto, anch’essi derivanti d’attività d’impresa. Sono in corso ulteriori accertamenti tesi ad individuare i responsabili.

Gli pneumatici esausti sono classificati dal decreto legislativo 152/2006 come rifiuti speciali e devono essere smaltiti attraverso ditte specializzate iscritte ad un apposito consorzio. Si evidenzia che all’atto dell’acquisto di nuovi pneumatici gli automobilisti corrispondono al venditore una quota per lo smaltimento di quelli da sostituire. Tale misura è stata prevista per scoraggiare e quindi prevenirne l’abbandono. È verosimile, quindi, che gli pneumatici rinvenuti provengano da un canale di vendita non regolare.