Stige, il Riesame rimette in libertà Berardi

Giuseppe Berardi

Il tribunale del Riesame di Catanzaro  ha scarcerato l’ex vicesindaco di Cirò Marina,  Giuseppe Berardi, arrestato il 9 gennaio scorso nell’ambito dell’operazione Stige che aveva portato in carcere 170 persone. Berardi, accusato di associazione mafiosa, è ritenuto dalla Dda di Catanzaro l’anello di congiunzione tra la politica e la cosca Farao-Marincola. L’ex vicesindaco di Cirò Marina si trovava in carcere a Voghera.

Il Tdl ha deciso la scarcerazione dopo aver riesaminato gli atti a seguito dell’annullamento con rinvio operato dalla Cassazione. Dopo l’udienza del 26 luglio, il riesame ha emesso oggi il provvedimento ed ha scarcerato Giuseppe Berardi senza disporre alcuna misura per l’ex vice-sindaco di Cirò Marina.
Il Tribunale del riesame – seguendo il pronunciamento della Corte di Cassazione, nonché le tesi della memoria difensiva depositata dalla difesa di Berardi, gli avvocati Gianni Russano e Salvatore Staiano, in sede di primo riesame – ha statuito che, in effetti, le motivazioni del GIP e del primo Riesame non contenevano alcuna aiutonoma valutazione ma si erano completamente appiattite alla richiesta del PM.



In questo articolo: