Stroppa: abbiamo creato tanto contro un Cosenza che non faceva giocare

CROTONE – “Portiamo la Var in serie B perché oggi potevamo perdere una partita per un errore madornale”. E’ quello che chiede Giovanni Stroppa commentando il pareggio nel derby con il Cosenza. Il primo punto che il Crotone ottiene dopo 43 anni contro il Cosenza. Un punto che sta stretto a Stroppa: “Bisogna fare i complimenti al Cosenza che ha fatto la partita che voleva fare. Ci sono stati tanti tempi morti. Si poteva giocare di più e tirare fuori qualche cartellino in più. E’ una squadra ostica che gioca ai limiti del regolamento, chiude gli spazi, ben messa in campo. Per il resto poi con una squadra come la mia che ha creato così tanto devi vincere la partita e  meno male che non l’abbiamo persa perché il rischio era quello”.

Un rischio che è stato sfiorato anche per colpa della terna arbitrale: “Le occasioni create dal Cosenza – evidenzia il tecnico del Crotone – sono nate de errori tecnici nostri. Forse ci siamo sbilanciati troppo. Però sull’occasione di Carretta c’è un fuorigioco allucinante di due metri. Se perdevamo la partita lì era devastante a livello psicologico. Quindi portiamo la Var in Serie B: credo che sia un bene comune perché su errori del genere si possono perdere partite”.

Dal punto di vista tecnico Giovanni Stroppa guarda il bicchiere mezzo pieno: “Potevamo essere più bravi nel palleggio. Era difficile giocare con tranquillità ed anche se di gioco se ne poteva fare poco grazie alla prova del Cosenza, abbiamo creato tantissimo. Per cui mi tengo per buona la possibilità che la squadra può arrivare così tante volte davanti alla linea di porta”

Per quanto riguarda la prestazione fisica l’allenatore del Crotone fa notare: “Oggi giocato con 35 gradi e per chi vuole fare un certo tipo di calcio si va in difficoltà. Non siamo fuori forma fisicamente. Sicuramente ci vuole un campo migliore ed un palleggio più pulito. Siamo in rodaggio”

Infine il tecnico informa sulle condizioni degli infortunati: Molina ha una distorsione alla caviglia, mentre per Spolli “non abbiamo notizie positive, pare sia uno stiramento al polpaccio ma dobbiamo fare esame clinico”.