Trafinello, sul balcone con una fune al collo: Polizia sventa suicidio

Voleva farla finita ma ha desistito grazie al pronto intervento delle forze dell’ordine. E’ successo sabato sera in località Trafinello dove su disposizione della locale Centrale operativa, la Squadra volanti è intervenuta per sedare una lite in famiglia. La notizia è stata diramata oggi dalla Questura.

Giunti sul posto, gli agenti si sono imbattuti in un uomo seduto a cavalcioni sulla ringhiera del balcone che minacciava di buttarsi nel vuoto. In evidente stato confusionale, aveva una fune intorno al collo la cui estremità era legata ad una sbarra di ferro fissata al balcone.

Entrati nel cortile dell’abitazione, i poliziotti hanno avviato una lunga opera di mediazione per convincere l’uomo a desistere dall’insano gesto e ad aprire la porta di casa. Non è stato facile, ma dopo estenuanti e prolungati tentativi, sono riusciti a penetrare nell’abitazione ed a sventare il tentativo di suicidio.

In evidente stato confusionale, dopo avere spiegato agli operatori delle Volanti le motivazioni alla base della decisione di togliersi la vita, “riconducibili – informa la Questura – a problematiche personali”, il soggetto è stato preso in carico dal personale medico del 118, nel frattempo giunto sul posto.