Ukulele Rino Gaetano, Carcea propone: riportarlo sul palco di Sanremo

Rino Gaetano mostra ukulele

CROTONE – Approfittare dell’attenzione mediatica creata dal servizio delle Iene per recuperare l’ukulele di Rino Gaetano e riportarlo sul palco di Sanremo dopo 40 anni dalla mitica Gianna. E’ la proposta che lancia l’ex assessore comunale ed ex consigliere provinciale Renato Carcea che si era occupato proprio del recupero dello strumento conteso tra Provincia di Crotone e fondazione ‘Una casa per Rino’.

Prima che se ne occupassero le Iene, in effetti, la vicenda dell’ukulele era stata più volte ripresa dalla stampa locale (sia cartacea che on line). L’ukulele usato da Rino Gaetano a Sanremo 1978 per cantare Gianna venne acquistato in un’asta di beneficenza su Ebay a favore di Emergency dalla Provincia di Crotone come disposto dalla determina dirigenziale numero 293 del 20 marzo 2003 che faceva seguito  alla delibera di Giunta provinciale – presieduta da Carmine Talarico – numero 35 del 26 febbraio 2003. Il costo fu di 5.350 euro da destinare ad interventi di Emergency in Sierra Leone. L’assessore provinciale che si occupò della vicenda all’epoca fu Giancarlo Sitra. Lo stesso che presiede la fondazione Una casa per Rino alla quale l’ukulele venne affidato – anche se non c’è un atto ufficiale che determini la consegna – affinchè fosse esposto nel museo in via di creazione. Museo del quale non c’è traccia come per l’ukulele che è ricomparso nel gennaio 2018 in una conferenza indetta dalla fondazione dopo una serie di sollecitazioni da parte di consiglieri comunali e Provincia di Crotone.

Ora arriva il servizio delle Iene a riaprire la vicenda mentre alla Provincia di Crotone, dopo aver atteso bonariamente che potesse risolversi, si stavano preparando i documenti per la restituzione coatta. “Ribadisco ciò che ho sempre detto – scrive Carcea – l’ukulele di Rino Gaetano è un patrimonio per la città e l’intero territorio, che merita di essere esposto ed ammirato da tutti, in una struttura pubblica. Una posizione, la mia, è bene ribadirlo, che è stata votata, all’unanimità, dal precedente consiglio provinciale che ha condiviso la consapevolezza che l’ukulele è un bene da affidare alla comunità di Crotone, e che deve essere restituito alla visione di tutta la città e di tutti i cittadini crotoniati, calabresi, italiani, del mondo”.

L’ex consigliere provinciale Carcea, ricordando proprio che quell’ukulele appartiene alla storia della musica italiana e fu usato per la prima volta il 28 gennaio 1978 sul palco a Sanremo, propone:  “Visto l’approssimarsi dell’appuntamento per eccellenza del panorama canoro italiano, la mia proposta è quella di favorire, a distanza di oltre 40 anni, il ritorno dell’ukulele sul palco di Sanremo. Sarebbe un omaggio all’arte ed alla genialità di Rino Gaetano, ma anche uno strumento di promozione di un’immagine diversa della nostra città, ricca di aspetti positivi, ma che spesso restano ignorati. Affido questa proposta anche all’attenzione di un altro crotoniate illustre, l’orafo Michele Affidato, che da tempo collabora con il Festival di Sanremo, realizzando i premi della kermesse”.