/ Sport

Sport | 04 novembre 2022, 18:11

Crotone, Lerda con i 'titolarissimi' per il derby del Ceravolo: squadra tirata a lucido e motivazioni alle stelle

Crotone, Lerda con i 'titolarissimi' per il derby del Ceravolo: squadra tirata a lucido e motivazioni alle stelle

Il derby è ormai dietro l'angolo. Il duello più atteso di questa fase della stagione che potrà raccontare diverse sfumature e offrire indicazioni importanti in ottica futura. Il Crotone arriva all’appuntamento carico a molla e tirato a lucido, forte di un tris di vittorie che hanno cancellato la debacle di Foggia, unica nota stonata del torneo: le vittorie roboanti contro Francavilla e Turris e quella di sostanza contro il Picerno hanno ulteriormente accresciuto e fortificato certezze ormai consolidate nel laboratorio rossoblù. Chiunque giochi permette di mantenere alto il livello tecnico e mentale, e anche le risposte arrivate dalla Coppa Italia in questo senso sono piuttosto indicative. Lerda ha il suo zoccolo duro, ma sa di poter fare affidamento su tutto il gruppo.

La testa è definitivamente proiettata sull’appuntamento di domenica, e quei due punti rosicchiati ai rivali hanno alimentato il sacro fuoco motivazionale che ha raggiunto livelli elevatissimi. Del resto certe sfide si preparano da sole, e questa è una di quelle. Dal punto di vista squisitamente di formazione, Lerda è alle prese con una sola defezione rispetto allo spartito classico: la squalifica di Cuomo impone una variazione nell’assetto difensivo: accanto a Golemic il favorito è Bove, peraltro risparmiato in Coppa e dunque indicato quale compagno di reparto del serbo. Sui lati Calapai e Giron (con Mogos altro candidato), mentre in mezzo al campo il trio Awua, Petriccione e Tribuzzi avrà il compito di fare schermo e accompagnare il tridente magico composto da Chiricò, Gomez e Kargbo, con i due esterni deputati a seminare il panico e far saltare il banco.

Pochi i dubbi nella testa del coach, che li scioglierà nella riunione tecnica della vigilia. Le certezze abbondano, così come la serenità e la consapevolezza di essere pronti per fronteggiare a testa alta un altro esame severo dopo aver saccheggiato Pescara a metà settembre. Il derby resta un evento a parte, come peraltro ammesso dal patron, ma il Crotone e il suo team è pronto per un nuovo assalto.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Abbonati